Non è ormai più una novità che in provincia di Bergamo si coltivino frutti tropicali assolutamente inediti per questa zona. Un’esperienza partita qualche anno fa grazie a Giulia Serafini e Mirko Roberti. Dopo i numerosi studi e approfondimenti, ecco che arrivano a impiantare il loro primo frutteto e oggi, a distanza di alcuni anni, la situazione è assolutamente evoluta.

Tropico dei Colli è un’azienda che ha saputo accogliere le esigenze degli agricoltori, stanchi delle coltivazioni tradizionali e sempre alla ricerca di colture più remunerative, e dei nuovi consumatori a cui l’esotico e il tropicale piace davvero molto.

Asimina, Feijoa e Kiwi arguta: sono queste le specie scelte alla base della loro produzione. Ma la loro attività non si ferma alla coltivazione e vendita dei loro frutti, ricercati già da molti locali di rilievo tra ristoranti, pasticcerie e gelaterie; la proposta di Giulia e Mirko è molto di più.

L’obiettivo è quello di diffondere la coltivazione di queste specie facendo squadra con altri agricoltori con appezzamenti liberi da mettere a frutto. Giulia e Mirko apportano tutta la loro esperienza per la migliore riuscita di impianto e coltivazione e ritirano poi l’intera produzione.

Giulia Serafini al lavoro

“Coltiviamo la nostra frutta con passione e senza trattamenti – raccontano Giulia e Mirko – un efficace mix di piante resistenti, prevenzione e gestione attenta del frutteto ci permette di ottenere frutti di qualità, sani e sicuri. Immaginate un frutteto in cui i filari regolari delle piante coltivate si alternano a strisce di prato spontaneo, che con i suoi fiori attira un universo di insetti impollinatori ed utili, circondato di siepi campestri con più di 100 specie, rifugio per gli uccelli e per la fauna selvatica; che abbellisce il panorama e si integra armoniosamente nel paesaggio agricolo delle nostre colline e pianure”.

Mirko Roberti

E questo è solo l’inizio. Sono già parecchi gli agricoltori che hanno aderito al progetto, impegnandosi concretamente nella coltivazione.

L’Asimina e il Kiwi arguta stanno maturando proprio in queste settimane, mentre per la Feijoa bisogna aspettare ancora un mese circa.

È possibile consumarli da soli, farci golosi gelati, centrifughe, cocktails, ricette particolari e… molto altro ancora! Via con la fantasia.

L’Asimina

ASIMINA: frutto cremoso dal sapore tropicale, con un piacevole retrogusto di tostato. Molto ricca di vitamina A e C; ha un contenuto di calcio, fosforo, magnesio e manganese superiore alla banana. Questi elementi sono fondamentali per la crescita e l’esercizio fisico.

Il Kiwi arguta

KIWI ARGUTA: è un piccolo kiwi rosso e dolcissimo, con buccia liscia e sottile, da mangiare tutto intero. Ricco di vitamina C (oltre 3 volte quella dell’arancia), ha più vitamina E di un avocado. E un’ottima fonte anche di vitamine A, B6 e B2, acido folico e carotenoidi, con un elevato potere antiossidante.

FEIJOA: frutto dal profumo intenso ed agrumato, è ipocalorico ed è il frutto al mondo più ricco di iodio, minerale fondamentale nella prevenzione dei disturbi tiroidei e del metabolismo. Ha un elevato contenuto di flavonoidi, utili nel prevenire disturbi cardiovascolari.

 

Foto di Matteo Zanardi