Cafe. Restaurant. Lounge. 
Dalla colazione alla cena passando per il pranzo e l’aperitivo fino al dopocena, senza dimenticare il brunch della domenica.
 La formula “all day long” caratterizza il Laboratorio Lanzani.

A Brescia, in via Milano, “c’e un posto in cui la creatività si manifesta liberamente. Qui si respira ancora l’aria del laboratorio, quello in cui la vera protagonista è la sperimentazione. Riesci a sentirne il profumo?”.

È il Laboratorio Lanzani, uno spazio che prende vita tra il cemento e le sue mura. Un laboratorio per eccellenza il cui cuore è la cucina che, attraverso la semplicità degli ingredienti, propone piatti che lasciano senza parole.

La verità è solo una: eccellenza.

Qui la creatività è libera di fluire, di contaminarsi, di evolversi. La buona cucina diventa arte e l’incontro con altre forme d’espressione asseconda il mutamento.

Abbiamo letto e sentito parlare di questo spazio in cui tutto prende forma e si racconta attraverso la fantasia. 
Eravamo curiosi di capire, così abbiamo incontrato Alessandro Lanzani, creatore e proprietario del Laboratorio Lanzani, per farci raccontare da lui la filosofia del suo progetto.

Cosa è il Laboratorio Lanzani?
“Laboratorio Lanzani è uno spazio nato inizialmente da un esigenza. Cercavo un luogo in cui creare la cucina e il laboratorio per il nostro bistrot e, quando di ritorno da un viaggio da New York, mi hanno portato a vedere questo spazio ho avuto un idea…
 Il Laboratorio Lanzani è nato così”.

Spaghetti, gamberi, pomodoro confit, clorofilla di prezzemolo e pain ràpe

Cosa riassume il vostro manifesto?
“È un posto in cui la creatività si manifesta liberamente. Si respira l’aria del laboratorio. Quell’aria della sperimentazione”.

Oggi, sempre di più di parla di “food pairing”, di abbinamento cibo-cocktail. Cosa ne pensate? 

“Nonostante l ‘abbinamento cibo-vino sia comunque fondamentale nella nostra proposta, trovo che l’abbinamento cibo-cocktails tolga la parte più tecnica e impegnativa degli abbinamenti e faccia scoprire un lato più divertente e un approccio più facile a questa nuova tendenza”.

Progetti futuri?
“Far crescere il Laboratorio Lanzani anche coinvolgendo altre forme d’arte e altri settori all’interno del mondo food e drink. 
L’obiettivo è portare, nella nostra città, la bellezza del mangiare direttamente al bancone con la preparazione dei piatti a vista”.