C’è un “non-hotel” sul lago di Garda, precisamente a Bardolino. Un luogo ideale per trascorrere qualche giorno lontano dal caos della città.
 Stiamo parlando di Prati Palai.

Qui architettura e paesaggio, confort e tradizione, lago e campagna, servizio e agricoltura dialogano con armonia per offrire all’ospite un soggiorno indimenticabile.

Sulle colline di Bardolino, a meno di due chilometri dal centro del paese e dall’acqua del lago, immerso nella quiete di venti ettari di prati e boschi, un hotel non hotel, un agriturismo non agriturismo.

Prati Palai è dettaglio. Qui nulla è casuale.
Una reception che potrebbe essere uno studio. L’antica stalla che diventa un’accogliente salotto, con due finestre che incorniciano il lago. 
Un ampio giardino circonda la dimora. Una piscina immersa tra gli olivi di campagna. Una vasca che riflette i colori del cielo. Spazio ideale per ammirare il paesaggio del lago.

Prati Palai accoglie otto suite: tre suite e cinque junior suite. Tutte diverse tra loro ma accomunate dallo stesso non-stile. Le stanze ampie con comodi letti e spazi dedicati al relax o alla contemplazione del lago che si può ammirare da quasi tutte le stanze.

Le prime colazioni sono servite all’interno su un unico tavolo in legno massello davanti ad un portone vetrato che guarda il lago, o all’esterno in un giardino che pare un terrazzo affacciato sul Garda.

Prati Palai non ha un ristorante ma durante il giorno, su richiesta, possono essere preparati piatti semplici o sandwich realizzati con freschi prodotti aziendali degli orti e dei frutteti della proprietà o delle campagne circostanti.

Un luogo “senza tempo”, armonico e suggestivo.